Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Ricerca nel Regno Unito

 

Ricerca nel Regno Unito

POLITICA, RICERCA E SVILUPPO

Il Regno Unito gode di una lunga tradizione di eccellenza nel campo della ricerca scientifica e tecnologica, soprattutto grazie ai numerosi contributi innovativi che il Paese ha prodotto in questi anni. Per avere una misura indicativa, della rilevanza della scienza britannica nel contesto mondiale vale ricordare che il Regno Unito annovera tra i suoi cittadini 84 scienziati cui è stato conferito il premio Nobel (un numero inferiore soltanto a quello degli Stati Uniti d'America), numero che sale poi a 120 se si considerano i ricercatori nati in un altro paese ma che hanno ottenuto il premio Nobel per una ricerca svolta nel Regno Unito.

Il Regno Unito inoltre, pur avendo intorno all' 1% della popolazione mondiale, vede i suoi ricercatori coinvolti nella produzione di circa il 16% degli articoli scientifici e accademici più citati nel mondo. Questi dati sono il frutto dell’altissima considerazione di cui ricerca e innovazione godono nel Regno Unito, dove sono considerate fattori indispensabili dello sviluppo economico. Non a caso, nell’assetto organizzativo del governo britannico business, strategia industriale, ricerca e innovazione scientifica sono gestiti dallo stesso dipartimento, cioè il Department for Business, Energy & Industrial Strategy (BEIS). Tutte le funzioni relative alla formazione appartengono ad un dipartimento separato – il Department for Education (DfE) e, di fatto, il ministero dell’Università, Scienza e Ricerca e Innovazione è un ministero congiunto tra il BEIS ed il DfE. Infine la ricerca nel campo della salute è coordinata dal Department of Health and Social Care (DHSC). 

 

UNIVERSITA’ E RICERCA

Nel Regno Unito, la gran parte della ricerca scientifica e accademica si svolge all’interno delle università, fatta eccezione per alcuni istituti indipendenti, come il Francis Crick Institute e l’MRC Laboratory of Molecular Biology (LMB), che rimangono comunque in stretti rapporti con le istituzioni universitarie.

La ricerca in UK ha inoltre un doppio canale di finanziamento:

· Finanziamento ex post, gestito dal Research Excellence Framework (REF) e dal nuovo Teaching Excellence Framework (TEF) - quest’ultimo ancora in via di sperimentazione – che ha come obiettivo quello di premiare la performance delle istituzioni di ricerca sulla base delle ricerche fatte e del loro impatto, e sulla base della qualità dell’insegnamento.

· Finanziamento ex ante, gestito dai Research Councils e assegnato sulla base di specifici progetti di ricerca a singoli ricercatori.

Teaching Excellence Framework (TEF)

Il TEF è un nuovo sistema introdotto dal governo per riconoscere e premiare l’eccellenza delle università nel campo dell’insegnamento undergraduate e per fornire agli studenti informazioni utili e chiare su questo settore dell’alta formazione. L’obiettivo del TEF è di fornire agli atenei incentivi sia reputazionali che finanziari. Infatti possedere un alto rating implica non solo attirare più studenti (occorre considerare che il governo ha eliminato il tetto massimo di candidati che queste istituzioni possono ammettere) ma anche avere la possibilità di mantenere il livello delle tasse universitarie in linea con l’inflazione.

La partecipazione al TEF avviene su base volontaria e i partecipanti ricevono una ‘medaglia’ d’oro, argento o bronzo che riflette la qualità del loro insegnamento e l’ambiente di apprendimento, oltre che i risultati dei loro studenti.

Per quanto riguarda le tasse universitarie, il TEF ha suscitato numerose controversie: l’Unione Nazionale degli Studenti del Regno Unito è infatti impegnata in una campagna che combatte il provvedimento per cui le università possano aumentare le rette in base al loro punteggio nel TEF e sta incoraggiando gli studenti a boicottare la National Student Survey, utilizzata come uno dei tre parametri sulla base dei quali verrà calcolato tale punteggio.

Research Excellence Framework (REF)

Il Teaching Excellence Framework viene affiancato al già esistente REF, per valutare e premiare le diverse istituzioni sulla base della ricerca scientifica da loro prodotta. In base alla qualità del loro lavoro, queste istituzioni ricevono finanziamenti per la durata di sei anni. Una review sul funzionamento e gli obiettivi del REF è stata pubblicata nel luglio 2016 da Lord Nicholas Stern e si può trovare qui.

ACCORDI BILATERALI IN CORSO

Attualmente è in corso una collaborazione tra la Royal Society – un’ accademia scientifica indipendente del Regno Unito e del Commonwealth – e il Consiglio Nazionale della Ricerca (CNR) che ha portato alla creazione di un nuovo grant, il Royal Society – CNR International Exchanges Award. Questo mette a disposizione fino a £12.000 per progetti della durata di 2 anni, che coprono costi di viaggio e sussistenza, inclusi un massimo di £2.000 per spese di ricerca. Per informazioni su come accedervi, fare riferimento al link indicato sopra. Il CNR e l’Accademia Nazionale dei Lincei hanno inoltre attivato diverso accordi bilaterali con l’accademia scientifica e letteraria della Scozia, la Royal Society of Edinburgh. 

 


40