Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Bicentenario della morte di Lord Byron

Lord Byron Contemplating the Colosseum (c) Erich Lessing Culture and Fine Arts Archive

Nell’ambito delle celebrazioni per commemorare il bicentenario della morte di Lord Byron, è stato organizzato il 21 febbraio presso la Residenza dell’Ambasciata un evento, dando spazio alle sue opere e al suo amore per l’Italia, da lui elogiata per la sua “fatale bellezza” e in cui trascorse gli ultimi otto anni della sua vita, sino a conoscere e parlare l’italiano come fosse la sua lingua natia.

Alla serata, organizzata in collaborazione con l’IIC di Londra e la Keats-Shelley Memorial Association (che si prefigge l’obiettivo di preservare e dare risalto all’eredità letteraria degli artisti Romantici inglesi fortemente legati all’Italia), ha visto coinvolti Simon Armitage, “Poet Laureate” britannico e traduttore di classici senza tempo quali l’Odissea, Scarlett Sabet, autrice di quattro raccolte di poesie, e Fabrizio Matteini, attore italiano con più di venticinque anni di esperienza. La loro lettura, in inglese ed italiano, di composizioni in onore dell’artista, ha contribuito a dare dimostrazione della doppia anima della serata, sottolineandone il respiro internazionale e i legami di affetto che storicamente hanno legato Lord Byron al nostro Paese.

Due elementi hanno inoltre impreziosito l’atmosfera. Lo straordinario busto in terra cruda rappresentante Lord Byron, prestato per l’occasione da Sir Ivor Roberts, ex-ambasciatore di Sua Maestà a Roma e Presidente della Keats-Shelley Memorial Association. Il busto è stato affiancato da una rara prima edizione del celeberrimo “Childe Harold’s Pilgrimage”, opera autobiografica di Byron, pubblicata dalla casa editrice John Murray nel 1818, esposta grazie alla mediazione del Direttore dell’Istituto italiano di Cultura a Londra, Francesco Bongarrà, con il Travelers Club di Londra. La presenza di queste opere d’arte nella medesima sala ha contribuito ad attualizzare ulteriormente la figura di Lord Byron e ad accendere il vivo interesse dei presenti per la sua storia e le sue creazioni artistiche.