Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Il Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan in visita a Londra per un intervento all’UBS European Conference e incontri con la Stampa economica


foto padoan economist
Il Ministro Padoan intervistato dai media italiani a seguito dell’incontro all’Economist


L’11 novembre 2015 il Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan ha partecipato alla UBS European Conference in veste di key-note speaker. Nel corso della mattinata, il Ministro ha visitato le redazioni londinesi del settimanale The Economist e del quotidiano Financial Times, dove ha incontrato i giornalisti economici
.

Il Ministro Padoan ha partecipato alla UBS European Conference in qualità di key-note speaker, con un intervento dal titolo Italy: Macroeconomic Outlook, Fiscal Strategy and Structural Reforms.

Ha esordito con delle considerazioni positive sulla ripresa economica italiana, ricordando però che “non c’è spazio per la compiacenza”. Ha presentato la situazione dell’Unione Europea, elencando le maggiori sfide a cui essa deve fare fronte: un miglioramento della crescita potenziale, la creazione di posti di lavoro e la promozione di un accordo tra le diverse economie dell’UE.

Dopo una nota introduttiva, il Ministro si è concentrato sulla situazione economica italiana, mostrando un quadro complessivamente positivo e trattando in particolare temi quali il prezzo della benzina e dei beni di consumo, i tassi d’interesse, il cambio della moneta, la situazione delle banche italiane e il livello di occupazione.

Il Ministro Padoan ha fornito un quadro completo della situazione italiana soffermandosi di volta in volta sui cardini del processo di modernizzazione della struttura economica e istituzionale italiana: le riforme istituzionali, il settore bancario, il mercato del lavoro, la riforma delle tasse e la giustizia.

Nel corso della mattinata, il Ministro ha dedicato un’ora all’incontro con i principali giornalisti e corrispondenti economici di The Economist. In seguito si è recato al Financial Times, dove ha discusso con l’editorial board del prestigioso quotidiano britannico.

  • Tag:
  • N