Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Conferimento dell’onorificenza al grado di GRANDE Ufficiale dell’ Ordine della Stella d’ Italia (OSI) a GABRIELE FINALDI

L’Ambasciatore d’Italia a Londra Pasquale Terracciano ha consegnato ieri l’onorificenza di Grande Ufficiale della Stella d’Italia, conferita dal Presidente della Repubblica a Gabriele Finaldi.

Lo storico dell’arte e Direttore della National Gallery di Londra, Gabriele Finaldi, ha ricevuto ieri, 7 novembre 2017, l’onorificenza di Grande Ufficiale della Stella d’Italia per il constante impegno dimostrato nello studio, valorizzazione ed efficace promozione della cultura e dell’arte italiana.

Gabriele Finaldi – che è stato in passato anche Vicedirettore delle Collezioni e della Ricerca presso il Museo Nacional del Prado – ha da sempre contribuito alla promozione dell’arte italiana. Nel consegnare l’onorificienza l’Ambasciatore d’Italia, Pasquale Terracciano, ha ricordato che di recente, nella sua attuale veste, ha sovrainteso all’organizzazione di una serie di mostre di alto profilo sull’arte italiana, fra le quali “Sansovino Frames”, “Beyond Caravaggio”, “Michelangelo e Sebastiano” e la mostra itinerante del dipinto di Canaletto “Una regata sul Canal Grande”, solo per citarne alcune delle più importanti.

Finaldi ha inoltre svolto un ruolo fondamentale nella facilitazione degli scambi culturali tra musei italiani e gallerie britanniche. Grazie al suo intervento, è stato altresì possibile rilanciare la ricerca artistica su alcune importanti opere italiane quali “L’Assunzione della Vergine” di Francesco Botticini, “La Maddalena Penitente” di Guido Cagnacci e “Scene della vita della Vergine e Santi” di Giovanni da Rimini.

L’Ambasciatore Terracciano ha concluso sottolineando come Finaldi si sia sempre dimostrato un convinto cittadino europeo. Grazie alla sua direzione, la National Gallery ha tracciato un “percorso perfetto” della storia dell’arte del nostro continente che pone le sue radici nell’Italia trecentesca di Cimabue, attraversa i Paesi Bassi, la Spagna, la Gran Bretagna e la Germania per terminare nella Francia del 1900.

Per ulteriori informazioni: stampa.amblondra@esteri.it

  • Tag:
  • N